>> Assoluti, editoriale 1^ FASE In evidenza

>> Barcellona in volo ma…

 

Non possiamo che partire dai Blaugrana: unica squadra a punteggio pieno con 5 vittorie in 5 gare giocate, migliore attacco dell’intera competizione (36 reti fatte, poco più di 7 ogni 50 minuti), un cammino finora intonso, senza intoppi, senza indecisioni. Il Barcellona è la tipica squadra predestinata con Paradisi e Di Pasquale che hanno già fatto vedere di essere due dei migliori giocatori dell’intero lotto. Chi può fermare i catalani?

 

 

 

 

La risposta va cercata nella capitale spagnola, sponda Blancos di Madrid. Il Real infatti ha solo due punti in meno, frutto di 4 vittorie e 1 pareggio nelle 5 gare giocate. I madrileni però non solo sono l’altra squadra imbattuta del torneo ma hanno dei numeri da prima della classe, grazie alla migliore differenza reti tra le 12 contendenti (+23, contro il +20 del Barça) e soprattutto a una difesa incredibilmente solida: soltanto 6 reti subite, i più granitici sulla piazza. Sono numeri da rincorsa possibile. Attendiamo tutti lo scontro diretto che ci dirà se il Real può scavalcare l’attuale capolista.

 

 

Non male anche la corsa del Boca, terzo con 10 punti, frutto di 3 vittorie, 1 pari e 1 sconfitta.

Gli argentini giocano bene con Balsamo che sta serrando le fila e si sta mostrando pronto nel ruolo di sempre presente. Peccato per quella sconfitta di misura (7-6) alla giornata numero 3; i gialloblu meriterebbero forse qualcosa in più, come mostrano i loro numeri, ma in questo momento del torneo una sconfitta in più o in meno fa tutta la differenza del mondo.

 

 

Dopo il Boca, la classifica è corta. A quota 9 c’è il Corinthians, forse troppo allegro in difesa per sperare di arrivare sul podio. A 8 segue il Milan, squadra più quadrata ma che a volte non si prende troppi rischi. A 7 punti si trovano invece West Ham e Los Angeles FC, le due squadre che daranno qualche grattacapo ai primi turni dei playoff ma che difficilmente, stante queste rose, raggiungeranno posizioni apicali.

 

 

Le ultime cinque in graduatoria sono invece le squadre che meno hanno convinto. L’Inter e l’Arsenal (entrambe 6 punti) hanno percorsi diversi. I nerazzurri tutto sommato non perdono mai malissimo, la differenza reti a -5 è un indizio. Discorso diverso per i Gunners che hanno subito già 40 reti. Chiudono la classifica Flamengo (4), Sporting (1) e Bayern (0) che non sembrano avere le carte in regola per migliorare la loro attuale posizione.

 

 

 

 

 

Altro in questa categoria: >> 1 GIORNATA: l' Editoriale »